Cos’hanno in comune la filosofia di Loris Malaguzzi e la teoria delle Loose Parts di Nicholson?

L’articolo esplora la connessione tra la filosofia educativa di Loris Malaguzzi delle scuole di Reggio Emilia e la teoria delle Loose Parts di Simon Nicholson.

Approfondiamo come entrambi i pensatori vedano la creatività e la curiosità come fondamentali per l’apprendimento dei bambini, e come i materiali e le “variabili” possano essere utilizzati in modo innovativo per supportare questa scoperta.

L’articolo esplora anche l’uso dei materiali di scarto e del progetto REMIDA come esempio concreto di come questi principi educativi possono essere messi in pratica.

Nicholson, un architetto e designer britannico, ha introdotto il termine “Loose Parts” in un saggio del 1971, nel quale ha sottolineato l’importanza di offrire ai bambini materiali aperti, come i materiali naturali o riciclati, ma anche di considerare “variabili” come la musica, la gravità, le parole, i concetti e le idee. La teoria delle Loose Parts è stata accolta molto positivamente negli anni successivi, non subito in ambito educativo ma in primis nell’ambito del design e della progettazione di spazi, anche all’aperto.

Anche Malaguzzi credeva nella creatività di tutti i bambini e nella loro curiosità per il mondo circostante, e riteneva che avessero bisogno di un ambiente adatto per esprimere questa curiosità. L’uso di materiali riciclati nelle scuole di Reggio Emilia è stato sviluppato attraverso REMIDA, un progetto culturale nato a metà degli anni ’90, che mira a promuovere la sostenibilità, la creatività e la ricerca sui materiali di scarto.

Anche qui, i materiali vengono considerati come contenitori di intelligenze e possibilità, che possono essere modificati e trasformati dalle idee dei bambini e dalla loro combinazione con altri materiali e fenomeni.

La connessione tra le teorie di Nicholson e Malaguzzi risiede nella loro comune attenzione alla creatività e alla curiosità dei bambini, nonché alla loro esigenza di un ambiente adatto per sperimentare, esplorare e imparare.

Entrambi i pensatori considerano i materiali come strumenti per lo sviluppo del pensiero critico e creativo dei bambini, e sostengono l’importanza di offrire loro un’ampia gamma di materiali e “variabili” per esplorare e scoprire il mondo che li circonda.


Per saperne di piu’: dal catalogo dei corsi Zeroseiplanet di formazione per educatrici di asilo nido e insegnanti di scuola dell’infanzia, il corso “LOOSE PARTS: MATERIALI DESTRUTTURATI E CONTESTI EURISTICI

 

CHIEDI INFORMAZIONI QUI >>>

 

 

Written by Zeroseiplanet Formazione e consulenza per i servizi educativi 06

I corsi di Zeroseiplanet

ATELIER  DELLE INDAGINI MATERICHE: CARTA E CARTONI

ATELIER DELLE INDAGINI MATERICHE: CARTA E CARTONI

ATELIER DELLE INDAGINI MATERICHE: CARTA E CARTONI CORSO ONLINE Sabato 4 Novembre 2023  Ore 8.30 – 12.30 ISCRIZIONI CHIUSE Orari del corso ore 8.30-9.00 Registrazione partecipanti ore 9.00 Inizio corso ore 12.30 Termine corso Consegna Attestati ed ebook  ...

leggi tutto
ATELIER DEI LINGUAGGI SENSORIALI: IL COLORE DEL GUSTO

ATELIER DEI LINGUAGGI SENSORIALI: IL COLORE DEL GUSTO

ATELIER DEI LINGUAGGI SENSORIALI IL COLORE DEL GUSTO CORSO ONLINE Sabato 14 Ottobre 2023  Ore 13.00 – 17.00 Food art ed esplorazione sensoriale si intrecciano in questo laboratorio per educatori e insegnanti. Il cibo non solo da assaggiare, ma anche mezzo per...

leggi tutto